Informati liberamente sul web!

Approfondimenti a tema "Casa e Arredamento "

Quanto conviene montare i pannelli fotovoltaici e solari

 

In Italia se c'è una risorsa che non manca è il sole. Non siamo ai livelli dell'Africa sahariana ma ne disponiamo in quantità sufficiente , specialmente se ci riferiamo al sud Italia. Proprio per questo motivo il fotovoltaico ed il solare termico dovrebbero essere due tecnologie molto utilizzate nel nostro paese. Sebbene i dati siano confortanti , siamo secondi in Europa dopo la Germania, la strada da fare è ancora molta.

Grazie agli incentivi del cosiddetto conto energia negli ultimi 10 anni il fotovoltaico ha conosciuto un boom. Ci siamo fermati però nel 2013, quando i fondi messi a disposizione per gli incentivi sono terminati. Da allora le cose si sono stabilizzate, è vero che gli utenti non possono più contare sugli incentivi, ma i prezzi dei moduli sono calati moltissimo, vedi in proposito: www.pannellifotovoltaicisolari.com.

Se prima ci volevano € 15.000 per acquistare un impianto da 3 kW, oggi ne servono un terzo. Mediamente infatti un impianto fotovoltaico costa circa 1500 / 2000 euro per kilowatt di potenza. Molto meno rispetto a quello che era chiesto per l'appunto 10 anni fa.

Ha senso quindi pensare che la convenienza di un sistema del genere esista specialmente se insieme al fotovoltaico per produrre energia elettrica nistalliamo anche un sistema per la produzione di acqua calda per uso termico. La convenienza in quel caso si raddoppia facendoci risparmiare anche sulla bolletta del gas.

Andiamo per ordine. Per installare un impianto fotovoltaico abbiamo di uno spazio a disposizione, circa 7/8 metri quadri per kilowatt di potenza installata. Lo spazio non deve presentare ombreggiature e i pannelli, una volta montati, devono essere esposti a sud con inclinazioni di 30°.

Dopodiché l'impianto può essere allacciato alla rete elettrica della casa. Il GSE mette a disposizione un sistema chiamato "scambio sul posto", ovvero tutta l'energia elettrica che non riusciamo a consumare durante il giorno la immettiamo in rete e la cediamo al gestore.

Il gestore la venderà a sua volta a terzi, magari al nostro vicino, riconoscendoci un credito per acquistare la corrente di notte, quando ovviamente un impianto non può produrre energia. Il problema è che ce l' acquista circa ad uno e ce la rivende a tre. Uno squilibrio che fa pensare al sistema da montare, ovvero deve essere ben pianificato, progettato su quelle che sono le nostre esigenze di consumo elettrico.

In pratica dobbiamo cercare di consumare tutta l'energia disponibile durante il giorno, o quasi. Se prima eravamo virtuosi e facevamo la lavatrice la notte, durante il weekend, adesso dobbiamo agire al contrario. Ovvero cercare di consumare di più durante il giorno, utilizzando, perché no, fonti di calore alimentate ad elettricità, come condizionatori in pompa di calore.

Ovviamente non saremo mai in grado di pareggiare la produzione con l'assorbimento, anche perché in inverno, durante le giornate di nuvolosità, produrre elettricità sarà un problema, troppo poca potenza. I mesi di picco ovviamente sono quelli estivi, quando l'insolazione massima e le giornate durano a lungo. Ecco perché i condizionatori per rinfrescare la casa sono un'ottima idea durante il giorno.

Come detto i prezzi si sono abbassati ed un impianto fotovoltaico costa circa 5000 / 6000 eruo per 3 kW di potenza, necessari per l'alimentazione è il sostegno di una famiglia di quattro persone. Fino a fine anno ci sono anche le detrazioni fiscali del 50% che consentono di risparmiare un bel po'. In pratica su un sistema. se lo paghiamo € 6000, la metà, € 3000, possiamo portarla in detrazione in 10 anni. € 300 ogni anno. Alla fine lo paghiamo la metà.

Un sistema ibrido è quello che consente anche di produrre acqua calda tramite sole. Insieme ai moduli fotovoltaici vengono montati anche dei collettori solari termici in grado di riscaldare l'acqua. Quelli sottovuoto sono molto efficaci anche d'inverno, quando l'insolazione è minima. Non soltanto acqua calda per docce e per i lavandini, ma anche per riscaldare casa con il sistema a pannelli radianti. Utilizzando il riscaldamento a pavimento infatti basta avere l'acqua a 35° per riuscire a scaldare la casa avendo una temperatura costante in asa di circa 18/19° centigradi. Il sistema solare termico è ottimo per chi dispone dello spazio sufficiente, anche minimo. Un collettore solare di 4 m quadri è infatti in grado di soddisfare le esigenze di una famiglia di quattro persone, facendo risparmiare tantissimo sulla bolletta del gas.

Detto ciò quanto è in grado di produrre un sistema fotovoltaico? Come potete intuire dipende dalla zona climatica. Al nord Italia avrà un rendimento, al sud un altro. Numeri alla mano ogni kilowatt al nord della penisola è in grado di produrre tra i 1100 ed i 1200 kilowatt l'anno. Al centro tra i 1200 ed i 1300 e al sud d'Italia tra i 1300 e 1500. Ci sono poi anni piú clementi, con una maggiore insolazione ed annate invece in cui si produrrà di meno. Non ci discosteremo però molto dai dati che abbiamo fornito. Per massimizzare la produzione possiamo acquistare pannelli fotovoltaici ad alto rendimento che costano un pochino di piú.